Menu
Ti trovi qui:Thesis Academy»Blog Thesis Academy»Indice»Titolo»Il titolo della tesi: di cosa si dovrà parlare»Il titolo della tesi: di cosa si dovrà parlare

Il titolo della tesi: di cosa si dovrà parlare

     Nella prassi delle Università l’argomento della tesi viene di solito assegnato dal Docente. In questo caso il laureando ha quattro possibilità: accettare il titolo (cosa che avviene nella quasi totalità dei casi), accettare cercando di modificare in parte l’argomento (ad esempio ampliando il tema, o focalizzando l’attenzione su di un suo determinato aspetto), proporre un titolo alternativo o rifiutare la proposta e rivolgersi ad un altro Docente.

      In generale, se è il relatore ad assegnare il titolo della tesi e se l’argomento non risulta molto complesso (ad esempio una ricerca empirica con una sofisticata elaborazione dei dati, oppure un lavoro che richiede la lettura di testi in una lingua che non si conosce), è ovviamente conveniente aderire alla proposta, dimostrandosi collaborativi.

      Molto spesso, però, la situazione si inverte ed è il relatore a chiedere al laureando di formulare una proposta personale di titolo. Questa evenienza, non rara, può essere affrontata tenendo presenti alcuni semplici accorgimenti:

limitare la ricerca del titolo alla materia insegnata dal Docente e informarsi sulle sue aree di interesse.

      La modalità più pratica e sicura è quella di consultare la pagina personale del proprio Docente, pubblicata di solito sul sito web universitario. Oltre al curriculum vitae vengono riportate le sue pubblicazioni, che vanno analizzate per individuare i temi e gli argomenti intorno ai quali verte la sua attività di ricerca.

      E’ utile focalizzare l’attenzione sugli ultimi studi del docente, verificando se vi sono argomenti che possono essere proposti, o se le sue pubblicazioni permettono qualche sviluppo interessante, oppure qualche applicazione alternativa.

      L’esempio che riporto qui di seguito fa riferimento ad una cattedra di “Economia aziendale e gestione delle imprese”. La lettura delle pubblicazioni permette di individuare alcune aree prese in esame dal docente: il governo delle imprese, il management, la proprietà familiare delle piccole e medie imprese.

 Aree di interesse e pubblicazioni del Docente

      Sulla base di queste indicazioni è possibile individuare uno più titoli da sottoporre al relatore.

      Lo stesso procedimento permette di:

 

  verificare se qualche proprio interesse può essere proposto con probabilità di successo;   

       

      Non è infrequente che un tema specifico, interessante per lo studente, rientri nell’area didattica insegnata dal docente che si vuole contattare. Ad esempio, se si è interessati al tema dell’inquinamento marino, il titolare della cattedra di diritto marittimo può diventare il relatore della tesi. Se si vuole analizzare l’organizzazione di un team di formula 1 si può proporre l’argomento al docente di economica aziendale o di sociologia delle organizzazioni.

        Se, invece,

non si hanno specifici interessi

 è opportuno analizzare un manuale della materia, per individuare due o tre argomenti non troppo generici.

        Qui di seguito riporto l’indice di un capitolo tratto da un testo di diritto amministrativo. Tra i titoli che possono essere proposti ci sono, a mio avviso: “L’istruttoria procedimentale nel diritto amministrativo”; “La decisione nel processo amministrativo”; “Il processo di semplificazione”.

 

Manuale di testo da consultare per decidere il titolo della tesi

 

     In generale, la consultazione dei manuali deve avvenire tenendo presente che il titolo della tesi non deve essere né troppo generale (per non vederselo rifiutare e, qualora venisse accettato, per non correre il rischio di parlare di tutto), né troppo specifico (per non doversi impegnare su un argomento specialistico e con una bibliografia ridotta).                                                         

      Concludendo: per individuare un titolo adeguato si può utilizzare una selezione “a piramide”.

         · si devono evitare i titoli molto generici;

         · è opportuno non proporre titoli generici (anche se questa regola non vale in lacune materie);

         · è utile individuare un titolo specifico;

         · vanno evitati i titoli eccessivamente specifici.

      Un esempio è il seguente:

 

Schema a priramide per la correta scelta del titolo della tesi1

 

      Nel prossimo post parlerò delle prime mosse da compiere una volta definito ed ottenuto il titolo dell’elaborato.

 

InformationArticoli di argomento correlato che ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Il servizio Filo Diretto

mette a tua disposizione una consulenza preliminare gratuita e non vincolante nella:

individuazione di un’area tematica o di una proposta di titolo per l’elaborato
strutturazione di un indice dettagliato
redazione di una presentazione introduttiva
realizzazione di una bibliografia orientativa
E' vietata la riproduzione anche parziale di quanto contenuto nel sito ex art.171 L. 633/194.